L'AIC

L’AIC è una organizzazione di categoria che trae le sue origini dall’area del movimento contadino socialista. Nasce il 9 ottobre del 1969. La storia dell’AIC annovera nomi autorevoli come quello di Gian Matteo Matteotti e, in un contesto sociale che ha visto evolvere e sconvolgere decisamente il significato di “ruralità”, ha conquistato e può vantare una progressiva crescita grazie all’ampio ventaglio di iniziative intraprese nel corso degli anni. L’AIC opera su tutto il territorio nazionale (su base regionale, interprovinciale, provinciale, zonale e comunale) associando direttamente, ed attraverso le proprie Organizzazioni, più di 130.000 associati. Forniamo assistenza e garantiamo servizi fiscali, sindacali e di consulenza sia attraverso l’Organizzazione stessa, sia attraverso gli organismi e le società in cui si articola.

Svimez, AIC: Al Sud sfida Green e sostegno all’occupazione femminile Roma, 4 nov. (LaPresse) - “Nel quadro a tinte fosche dipinto da SVIMEZ per il Mezzogiorno d’Italia, emergono anche delle vie di riscossa. Il Governo rafforzi gli investimenti in produzioni biologiche e nel comparto biotech, giustamente indicati nel rapporto 2019 come eccellenze del nostro Meridione. Bene il Piano per il Sud annunciato entro fine anno dal PM Conte. Il Piano tenga conto del valore, anche in agricoltura, del capitale umano femminile, oggi avvilito a danno dell’intera società”. Così Giuseppino Santoianni, Presidente AIC, Associazione Italiana Coltivatori. POL NG01 ntl 041156 NOV 19

8722 - roma (agra press) - "bene le misure per gli agricoltori delle zone colpite dal terremoto del 2016, contenute nel decreto su terremoto e ricostruzione", afferma il presidente aic giuseppino SANTOIANNI a 3 anni dal forte terremoto del 30 ottobre 2016. "donne e uomini che danno valore al territorio rimanendovi in condizioni difficilissime vanno sostenuti dallo stato, a valere sui fondi europei, come previsto dal decreto ricostruzione", sottolinea SANTOIANNI nel ricordare "gli enormi sacrifici che hanno fatto gli allevatori, a volte vivendo per giorni e giorni insieme al bestiame per non abbandonarlo a morte certa, altre volte riaprendo le attivita' anche se hanno perso tutto". per questo "ora tocca allo stato fare la sua parte, pur se in ritardo. esortiamo il nuovo governo ad avere piu' coraggio; il cratere e' talmente ampio che non si puo' pensare che i comuni di montagna, che sono i piu' distrutti, siano uguali a quei comuni che di danni ne hanno avuti pochi e che sono in zone vicine alle grandi citta', con tutti i servizi a portata di mano; lo spopolamento della montagna e' ormai in atto da decenni, se veramente vogliamo fermarlo dobbiamo pensare a delle misure forti; gli agricoltori, i cittadini e le imprese rimaste nei comuni montani terremotati possiamo definirli 'eroi' e penso che la misura giusta per questi territori sarebbe quella di istituire una zona franca esentasse per il periodo di ripresa, affinche' si possa far ripartire l'economia e lo sviluppo sostenibile", conclude SANTOIANNI.

A tre anni dall'approvazione del disegno di legge contro il cosiddetto Caporalato, AIC (Associazione Italiana Coltivatori) e ANMIL organizzano un convegno volto a valutarne efficacia e risultati, il prossimo 19 novembre, alle ore 10.30, nella Sala del Parlamentino INAIL (Via IV Novembre, 144), Roma.

Per dare vita a un costruttivo su un tema di così vaste proporzioni, sono stati coinvolti alcuni tra i massimi rappresentanti istituzionali in materia, oltre al Presidente AIC Giuseppino Santoianni e al Presidente nazionale ANMIL Zoello Forni:
il Magistrato Bruno Giordano; il Sottosegretario al Lavoro e alle Politiche sociali Francesca Puglisi; il Componente della Commissione Lavoro del Senato Tommaso Nannicini; il Presidente dell’INAIL Franco Bettoni e
la Responsabile Salute e Sicurezza ANMIL Maria Giovannone.

Coordina i lavori la Direttrice del Tg3 Giuseppina Paterniti.

“MILLE GIORNI CONTRO IL CAPORALATO E LO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO” 
AIC E ANMIL  PROMUOVONO UN INCONTRO PER FARE IL PUNTO SU PROSPETTIVE E CRITICITÀ 

Roma, Sala del Parlamentino INAIL

Roma, 19 novembre 2019 – A tre anni dall’approvazione del disegno di legge contro il cosiddetto Caporalato,  AIC (Associazione Italiana Coltivatori) e ANMIL, insieme al Magistrato della Corte di Cassazione e docente universitario Bruno Giordano, promuovono oggi un Convegno volto a valutarne efficacia e risultati, nella Sala del Parlamentino INAIL (Via IV Novembre, 144).
Durante i “Mille giorni” di vigore della legge del 29 ottobre 2016 n. 199 sul contrasto al caporalato e allo sfruttamento del lavoro è emersa una piaga sociale e una realtà criminosa molto ampia e diffusa su tutto il territorio nazionale e in due settori in modo specifico, quali l’agricoltura e l’edilizia. Numerosi aspetti al riguardo sotto il profilo penale, processuale, amministrativo, lavoristico, sindacale, previdenziale, investigativo, economico, concorrenziale, sociologico e, non ultimo, umanitario, impongono un bilancio sulla sua applicazione, un’analisi delle criticità e un confronto sui possibili miglioramenti degli strumenti di contrasto.
Affinché il dibattito sia costruttivo su un tema di così vaste proporzioni, sono stati coinvolti alcuni tra i massimi rappresentanti istituzionali in materia, oltre al Presidente AIC Giuseppino Santoianni e al Presidente nazionale ANMIL Zoello Forni: il Magistrato Bruno Giordano; il Componente della Commissione Lavoro del Senato Tommaso Nannicini; il Presidente dell’INAIL Franco Bettoni e la Responsabile Ufficio Salute e Sicurezza ANMIL Maria Giovannone. Coordina i lavori la Direttrice del Tg3 Rai Giuseppina Paterniti.
Partecipa all’evento anche il giovane illustratore Michele Russo nel ruolo di facilitatore grafico.

CARTELLA STAMPA

Abstract Intervento Presidente AIC
Saluto Presidente ANMIL
Intervento Bruno Giordano
Dati_INL e Censis_2019
Intervento Maria Giovannone
Scheda AIC
Scheda ANMIL
Biografia Michele Russo
Locandina

Geri Ballo – Resp. Ufficio Stampa AIC
Tel. 06.48907203 – Cell. 334.9976153

Marinella de Maffutiis – Resp. Ufficio Stampa ANMIL
Tel. 06.54196-205/334 – Cell. 329.0582315

#nonraccontiamocifavole #cambiamolastoria #stopcaporalato 
#lavoronero #caporalato #sfruttamento #sicurezzasullavoro 
#lavorosicuro #AIC #RadioRadicale