20/11/2015
Incentivi economici 2010, Verrascina: “Condividiamo i limiti agli incentivi per l’auto. Da spingere c’è anche l’agricoltura”
“Dopo avere a lungo sostenuto che l’economia italiana non è fatta di sole auto, compagnie aeree e banche, non possiamo che condividere in pieno l’intento di limitare alla sola innovazione gli incentivi di Stato per l’auto, così come affermato dal Ministro Scajola.
Di più, è positiva anche la volontà di guardare altrove, ad altri settori, ha detto il Ministro, che hanno bisogno di essere spinti. Il punto è che tra gli interventi dati come probabili, ancora una volta non c’è l’agricoltura.
O meglio, dato che a parlare è il Ministro che ha competenze sull’industria, comprendiamo l’attenzione per le macchine agricole, che non è poca cosa, ma non possiamo accettare che in un disegno di sostegno economico del Governo si continui ad escludere il settore agricolo, pesantemente colpito dalla crisi eppure pilastro del made in Italy e sempre al centro di esigenze ed aspettative sociali”.
Lo ha detto Franco Verrascina, commentando le dichiarazioni del Ministro dello sviluppo economico, Claudio Scajola, sugli incentivi economici che il Governo proporrà per il 2010.
“Ricordo le recenti parole del Presidente Napolitano: ‘…siamo arrivati al concetto di qualità e di eccellenza in vari settori e in particolare in quello agroalimentare. L’italian food è un altro punto di forza della nostra economia e della nostra immagine…’. Cos’altro aggiungere? Atti di governo concreti”.
Roma, 10 febbraio 2010

Info: Federico Sesti 3455786899