è ora
di Roberta Notari

time20/11/2015

Tutte le democrazie moderne sono fondate sul lavoro, anche quelle che non lo sanciscono nella costituzione.

Il lavoro, da Aristotele al fordismo, passando da Marx, Durckeim e Weber, è sempre stato considerato come un “fatto economico” associato alla produzione, oggi stiamo assistendo a fenomeni sociali – precarizzazione, incertezza, insicurezza e perdita del lavoro – scaturiti proprio dalla globalizzazione economica e sociale che ne modificano profondamente il senso.

Il lavoro non è solamente fatica o necessità, esso deve fungere da vettore, attraverso il quale si manifestano e si articolano le relazioni umane. La dimensione economica e quella sociale tendono a intrecciarsi tra loro proprio per questa nuova complessità lavorativa…(continua)

DOWNLOAD: lavoro tempo di vita